sabato 2 giugno 2018

UN AMORE AD AUSCHWITZ

Un amore ad Auschwitz

TITOLO: Un amore ad Auschwitz
AUTRICE: Francesca Paci
CASA EDITRICE: Utet
PAGINE: 197

TRAMA

Edek e Mala: un giovane prigioniero politico polacco e una ragazza ebrea bella e vitale s’innamorano nel campo di sterminio di Auschwitz. Mala Zimetbaum ha fascino, carisma, cultura – conosce molte lingue e per questo viene scelta dalle SS come interprete e traduttrice – oltre a essere una donna di grande generosità, di cui dà prova aiutando in ogni modo le compagne di prigionia. Anche Edek, Edward Galiński, è una persona fuori dal’ordinario: tra i primissimi deportati di Auschwitz-Birkenau, incarcerato meno di due mesi dopo l’apertura del lager voluto da Heinrich Himmler, Edek ha visto nascere e crescere la macchina del genocidio ma non si dà mai per vinto.
Nel 1944, sebbene il Terzo Reich si avvicini alla sconfitta, nei campi di sterminio il massacro continua a pieno ritmo. Il 24 giugno, Mala e Edek riescono a fuggire grazie a un travestimento: comprando l’aiuto di un ufficiale nazista Edek recupera un’uniforme da SS e, con Mala vestita da prigioniero, esce dal campo esibendo un permesso falso. Purtroppo il loro sogno di libertà naufragherà presto: ricatturati sul confine polacco, in circostanze ancora oggi non del tutto chiare, Edek e Mala vanno incontro con coraggio al loro destino.


RECENSIONE

Questo romanzo è tratto da una storia vera.
Racconta la storia di due ragazzi Malala e Edek.
Malala è una ragazza di 27 anni molto bella ammirata da tutti per la sua grande intelligenza di origine Belga  ed è ebraica.
La sua vita è destinata a cambiare quando viene arrestata insieme alla sua famiglia dai nazisti e viene deportata ad Auschwitz.
Nel campo di concentramento Malala è  sempre la stessa bella, forte un leader per tutti per sino per i tedeschi.
Un giorno ad Auschwitz conosce un ragazzo affascinante, colto di origine polacche Edeck arrestato per le sue idee politiche.
I due giovani tentano la fuga per urlare al mondo intero cosa succede ad Auschwitz.
Ma il mondo sapeva cosa stava succedendo  ma nessuno ha impedito lo sterminio degli ebrei ma non solo.
Questo libro testimonia l'orrore e  fa capire che uomini come Edek e Malala sono EROI.
Testimonia una grande cosa  che anche all'inferno si può trovare la felicità e l'amore.








Nessun commento:

Posta un commento