domenica 8 maggio 2016

La passione del signore


Titolo: La passione del signore. Nelle visioni di Anna Katharina
Autrice : Anna Katharina Emmerick
Gesù negli anni della vita pubblica. Secondo le visioni della beata Anna Katharina Emmerick raccolte dal poeta Clemens BrentanoCasa Editrice: San Paolo
Pagine: 201
Prezzo:€12,00



TRAMA


Attingendo agli appunti del poeta Clemens Brentano, che mise per iscritto le visioni di Anna Katharina Emmerick sulla vita pubblica di Gesù, questo volume aiuta a cogliere e valorizzare molti aspetti del ministero del Signore, la fatica che egli visse, il ruolo dei suoi compagni, in particolare le pie donne, l'opposizione incontrata dai Farisei. Un cammino per seguirlo più da vicino, specialmente ma non solo, in Quaresima. "Con la sua dote di veggenza Anna Katharina Emmerick scrisse nuovamente il vangelo, che è così povero di particolari, anche quello di Marco; e al tempo stesso lo disseminò di piccoli eventi e lo illuminò attraverso i simboli. Se si leggono i suoi testi, si potrebbe credere che ella abbia preso parte alla passione di Cristo come se fosse stata al cinema. Il suo racconto della passione (che ha contribuito alla conversione di Paul Claudel) è più sconvolgente della lettura dei testi evangelici o addirittura dell'ascolto della Passione secondo Giovanni di Bach? È evidente che Anna Katharina Emmerick dovrebbe interessare tutti coloro che, dopo Kant e Einstein, si chiedono che cosa significhino le parole "spazio e tempo." (Jean Guitton)




RECENSIONE

Ho sofferto mentre leggevo questo libro, mi ha affascinato di come questa santa donna viva la straziante storia di Gesù  cristo; di come il suo popolo l ha condannato senza una vera causa solo perché predicava le parole del padre.
Ho sofferto e pianto per il suo lunghissimo cammino con quella croce sulle spalle, e la corona di spine che gli bucava il capo facendolo sanguinare.
Ho pianto per la povera Maddalena,per Maria, e ho sofferto insieme a loro capendo il loro dolore mentre leggevo.
Ma mentre leggevo provavo odio nei confronti dei romani ed ebrei hanno ammazzato il mio amore. , "dio perdonami per quello che ho scritto". La more di dio mi ha insegnato a perdonarli e amarli perché non sapevano cosa stavano facendo.
Ma finito il dolore mi è ritornata insieme ad Anna la gioia perché  il mio signore e  è risorto, so he il mio signore non mi abbandona e non ci abbandona è sempre insieme a noi nella gioia e nel dolore. Insieme alla scrittrice so che lui è morto per noi e per i nostri peccati e quindi non commettiamo  più errori ma impariamo ad amarci come dio ci ama.
Ciao vi voglio bene che dio vi benedica

Nessun commento:

Posta un commento