sabato 15 giugno 2013

Recensione "Il diavolo innamorato" di Jacques Cazotte

Titolo: "Il diavolo innamorato"
Autore: Jacques Cazotte
Casa editrice: Manni
Pagine: 128
Prezzo: 12.00


TRAMA
A metà strada tra romanzo galante e racconto di magia, il Diavolo innamorato di Jacques Cazotte è una delle opere più curiose e significative della letteratura Francese di fine settecento.

Evocazioni demoniache, incantesimi e metamorfosi improvvise sono lo scenario della stravagante storia tra Alvaro, soldato Spagnolo delle guardie del re di Napoli, e Biondetta, demine- fanciulla in grado di mescolare le grazie leggere della seduzione femminile alla finezza argomentativa di un moderno philosophe. Con la leggerezza teatrale di un'opera buffa, in una folla di paggi eleganti, cabalisti, cammelli mostruosi e cortigiane veneziane, il racconto rappresenta un perfetto equilibrio tra le istanze più felici e riuscite del pensiero libertino settecentesco e il nascente senso di inquietudine che tanta parte avrà nella costruzione del genere fantastico contemporaneo.

RECENSIONE
Questo libro è divertente  ma inquietante e parla  di un'amore fra Alvaro il donnaiolo e la bella Biondetta,il cui nome è stato inventato da Alvaro, nel momento in cui evoca questa creatura strana, affascinante, ma inquietante.

Nessun commento:

Posta un commento