mercoledì 19 giugno 2013

mille volte niente


Titolo: "Mille volte niente"
Autrice: Emma La Spina
Casa editrice: Piemme
Pagine: 279
Prezzo: 16.50
TRAMA:
"Sono una donna bambina. Una donna segnata da un'infanzia e un'adolescenza trascorse in istituti per orfani. lo che orfana non sono. Nel chiuso di quelle stanze, mi è stata rubata la bellezza dei primi anni, la meraviglia della crescita, lo stupore per il mondo. E ho avuto in cambio dolore, umiliazione, ignoranza. Per questo, quando la porta di quelle stanze si è spalancata, ho dovuto imparare ogni cosa, mentre gli altri sapevano già. Il racconto della mia storia riprende da dove l'avevo interrotto. Un mattino d'estate, il giorno successivo ai miei diciotto anni e poco prima di affrontare l'esame di maturità, vengo espulsa dall'istituto. Buttata in mezzo a una strada, letteralmente. Tutti i miei averi sono un diario, un libro di scuola e gli abiti che porto addosso. Con quelli inizierò a percorrere la mia strada, senza sapere quale sia, senza sapere nemmeno se c'è per me, da qualche parte, una strada. Non so nulla, neppure il significato delle cose più naturali della vita. Le imparerò tutte sulla mia pelle. Lentamente imparerò a difendermi. Ma ci vorranno anni, e forse ancora non mi sento del tutto salda nei risultati che ho raggiunto. Certo una cosa per me, oggi, è più importante di ogni altra: la famiglia che mi sono creata. I figli, soprattutto. Sono il mio tesoro prezioso. Sono quello per cui è valsa la pena resistere. Per questo a chi mi domanda cosa voglio ora, rispondo: niente, mille volte niente. Ho avuto tutto." (E. La Spina)

RECENSIONE:
Questo romanzo è triste: parla di una bambina segnata che non sa cosa vuol dire essere bambina; una donna che non sa cosa vuol dire essere amata, che tutti la sfruttano. Trova un lavoro,ma il suo capo è un uomo molto violento che la picchia, che la ama a suo modo, che la tiene in gabbia, che non può fare la sua vita.  Si innamora  di un uomo, ma non si rivela quello che crede di essere......

Nessun commento:

Posta un commento